Voi siete qui: Home > fiori > dalla r alla z



  • loberon: arrivata la nuova collezione estiva!
    Scopri oltre 400 nuovi articoli eleganti per la casa e il giardino! Visita il nostro shop allEUROindirizzo loberon.it/Novita
    Vedi Tutti i Coupon loberon






  • I fiori dalla A alla Z:
    A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z


    Ranuncolo


    Ranuncolo


    Ranuncolo - La maggior parte dei ranuncoli ha appariscenti fiori globosi di colore giallo brillante.  L'ordine delle Ranuncolali, che comprende tra le altre le Ranuncolacee, è costituito da piante erbacee, a volte rampicanti, diffuse nelle regioni temperate del pianeta; esistono varietà coltivate a scopo ornamentale, mentre altre crescono spontanee nei prati.

    Caratteristiche e morfologia del ranuncolo
    Il ranuncolo è una pianta erbacea appartenente alla famiglia delle Ranunculaceae. Presenta foglie basali che possono essere palmate o lobate e fiori solitari che possono essere di vari colori, tra cui giallo, bianco, rosa e rosso. I fiori del ranuncolo sono costituiti da numerosi petali, stami e pistilli, e hanno un aspetto simile a una coppa.

    Habitat e distribuzione geografica
    Il ranuncolo è originario delle regioni temperate dell'emisfero settentrionale, ma è ampiamente distribuito in tutto il mondo. Si trova spesso in habitat umidi come prati, prati pascoli e bordi dei corsi d'acqua.

    Le varietà e specie di ranuncolo
    Ci sono molte varietà e specie di ranuncolo. Alcune delle più comuni includono Ranunculus asiaticus, Ranunculus acris, Ranunculus repens e Ranunculus bulbosus. Queste varietà possono differire nella forma dei fiori, nei colori e nelle dimensioni.

    Requisiti di coltivazione del ranuncolo
    Il ranuncolo richiede una posizione soleggiata o parzialmente ombreggiata e un terreno ben drenato e fertile. è importante fornire una buona quantità di acqua durante la crescita attiva, ma evitare ristagni idrici. Inoltre, il ranuncolo può beneficiare dell'aggiunta di concime organico durante la stagione di crescita.

    Propagazione e piantagione dei ranuncoli
    I ranuncoli possono essere propagati sia per seme che per divisione dei bulbi. La propagazione per seme richiede solitamente un periodo di freddo prima di poter essere seminati. La divisione dei bulbi può essere effettuata in autunno o in primavera, separando i bulbi madre in bulbi più piccoli e piantandoli in aree nuove o nel terreno di coltivazione.

    Cura e manutenzione della pianta
    Per prendersi cura del ranuncolo, è importante mantenere il terreno umido, ma non troppo bagnato. Rimuovere le erbacce regolarmente per evitare la competizione per risorse come acqua e nutrienti. I ranuncoli possono essere soggetti a attacchi di parassiti, quindi controllare regolarmente la pianta per individuare eventuali segni di infestazione.



    ... vedi scheda completa su ranuncolo





    Rosa

    Rosa - Il genere Rosa raggruppa circa 150 specie di arbusti, rampicanti, coltivati per la bellezza del fiore. Le rose vengono divise in due gruppi: antiche e moderne; ogni gruppo a sua volta comprende diverse categorie di rose a seconda dell'origine e del tipo di fioritura.

    La gamma delle specie e delle varieta' di rose e' molto ampia, per comodita' espositiva si fa riferimento a tre categorie principali di rose: a cespuglio, rampicanti e sarmentose, in miniatura.


    Descrizione

    La rosa e' un arbusto, di solito eretto ma spesso anche sarmentoso e presenta foglie composte da 5 fino ad 11 foglioline provviste di margini dentati semplici o doppi di colore verde più o meno scuro provviste di peli a seconda della specie.


    Coltivazione

    la gran parte dei roseti preferisce posizioni soleggiate, che ricevano la luce diretta del sole per almeno sei ore al giorno; nelle regioni con clima molto caldo e' consigliabile scegliere un luogo del giardino che goda di ombreggiatura nel tardo pomeriggio.

    Le rose gradiscono un terreno fertile di medio impasto, quelli troppo poveri vanno arricchiti con concimi organici e inorganici, si vanga il terreno interrando letame maturo, quello fresco e' dannoso per le radici. I terreni troppo poveri si devono alleggerire aggiungendo torba o paglia decomposta. Le rose non crescono in terreni troppo sabbiosi o troppo compatti e argillosi.
    Durante la coltivazione il terreno deve essere sempre lasciato libero da erbacce infestanti.


    Potatura

    la potatura ha un'importanza fondamentale per la rosa, perche' senza di essa anche un bellissimo cespo diventa, in breve tempo, un brutto cespuglio: i fiori si rimpiccioliscono e il gambo si accorcia, diminuisce progressivamente anche il numero dei petali. Quando le rose hanno raggiunto una forma definitiva sono necessari degli interventi mirati per consentire che le piante crescano in modo equilibrato e fioriscano regolarmente.

    Nel caso di varieta' rifiorenti vanno eliminati tutti i fiori appassiti sotto le due foglie piu' alte, mentre le varieta' che fioriscono solo una volta, sopratutto le rose a cespuglio, mantengono i loro rossi cinorrodi, con i quali in autunno ravivveranno ed abbelliranno il giardino.
    In autunno inoltrato potare le rose in maniera piu' drastica, per consentire al risveglio della pianta una rigogliosa vegetazione. Togliere tutte le parti secche tagliando all'attaccatura del ramo, eliminare i rami che crescono storti, sfoltire i rami con piu' di tre derivazioni.


    Concimazione

    Alle rose e' opportuno dare del letame maturo ogni due anni, possibilmente in primavera. Spargere il letame nella zona di terra che circonda il piede della pianta e interrare. All'occorrenza e' opportuno somministrare anche del concime granulare o pellet biologico (circa 100 gr per metro quadrato). Innaffiare abbondantemente nel periodo estivo.

    Libri & manuali:
    Rosa

    ... vedi scheda completa su rosa



    Sparaxis


    Sparaxis


    Sparaxis - e' un genere di piante da fiore chiamato pure "fiore di arlecchino".
    Appartiene alla famiglia delle Iridaceae con circa 13 specie endemiche nel Sudafrica.

    Sono piante perenni che vegetano durante la stagione invernale umida, fioriscono in primavera e sopravvivono sottoterra come cormi dormienti durante l'estate.
    I loro cospicui fiori hanno sei "tepali", che nella maggior parte delle specie sono uguali per dimensioni e forma.

    Introduzione alla Sparaxis: Descrizione generale della pianta, famiglia botanica e provenienza geografica.
    La Sparaxis è una pianta erbacea perenne appartenente alla famiglia delle Iridaceae. è originaria dell'Africa del Sud, dove cresce in habitat vari, tra cui prati e pendii rocciosi. La pianta si presenta con foglie strette e lanceolate, di colore verde scuro, che si sviluppano a partire dal rizoma sotterraneo.

    Caratteristiche morfologiche della Sparaxis: Analisi delle foglie, dei fiori e della struttura radicale della pianta.
    I fiori della Sparaxis sono il suo elemento distintivo. Essi sono caratterizzati da una forma a imbuto e possono essere singoli o riuniti in infiorescenze a racemo. I colori dei fiori variano notevolmente, spaziando dal bianco al rosa, dal viola al rosso e persino al giallo. Inoltre, molti fiori presentano sfumature e combinazioni di colore che rendono la Sparaxis una pianta molto apprezzata per i suoi fiori vistosi e variopinti.



    ... vedi scheda completa su sparaxis



    Stella Alpina


    Stella Alpina


    Stella alpina - Specie erbacea perenne, appartenente alla famiglia delle Composite e presente nelle regioni alpine di Europa e Asia.

    I capolini fiorali sono circondati da brattee bianche, che formano un'infiorescenza particolarmente ornamentale, mentre i fusti e la faccia inferiore delle foglie sono ricoperti da una fitta lanugine, anch'essa bianca. Spesso presente nei giardini, la stella alpina cresce meglio su terriccio accidentato e sabbioso.

    la Stella Alpina è una pianta caratteristica delle Alpi e di altre catene montuose dell'Europa centrale e meridionale. Grazie ai suoi adattamenti alla vita in alta montagna, riesce a sopravvivere in ambienti estremi e a sbocciare con i suoi fiori bianchi e lanosi, donando un tocco di bellezza alle vette alpine.

    Stella Alpina: Introduzione e Habitat
    La Stella Alpina, scientificamente nota come Leontopodium alpinum, è una pianta perenne appartenente alla famiglia delle Asteraceae. è una delle specie più emblematiche delle Alpi e si trova principalmente nelle zone montane dell'Europa centrale e meridionale.

    Morfologia della Stella Alpina
    La Stella Alpina è una pianta erbacea che forma cespugli bassi e densi, con fusti pelosi e foglie lanceolate di colore grigio-verde. I fiori, che sbocciano in estate, sono piccoli e riuniti in infiorescenze a forma di stella, da cui deriva il nome comune della pianta. I fiori sono di colore bianco e sono circondati da brattee pelose e argentate, che conferiscono loro un aspetto lanoso.

    Caratteristiche del Fiore Stella Alpina
    La Stella Alpina è una pianta adattata alla vita in alta montagna, dove le condizioni ambientali sono estreme. Tra gli adattamenti che le permettono di sopravvivere in questi ambienti ostili vi sono la forma compatta dei cespugli, che riduce l'effetto del vento e protegge la pianta dal freddo intenso, e la presenza di peli sulle foglie e sulle brattee dei fiori, che aiutano a trattenere il calore e a ridurre l'evaporazione dell'acqua.



    ... vedi scheda completa su stellaalpina



    Surfinia


    Surfinia

    Surfinia - Dopo il geranio e' la pianta piu' fiorita che si vede sui balconi o sulle terrazze, la pianta richiede molto sole, acqua e concime. La pianta e' una varieta' della petunia pendula.

    E' una perenne pero' coltivata come annuale, ha lunghi rami ricadenti che possono raggiungere anche il metro di lunghezza, le foglie sono ovali e oblunghe i fiori ascellari hanno corolle imbutiformi che misurano di diametro da 6 a 15cm, il colore dei fiori varia a seconda della varieta' dal viola scuro al rosa pallido cio' crea un bel contrasto con il verde uniforme delle foglie.

    Per una buona crescita la pianta ha bisogno di abbondanti irrigazioni, l'apporto di acqua deve in ogni caso seguire l'andamento climatico, nei periodi troppo piovosi e umidi meglio sospendere, nei periodi estivi quando e' troppo secco la pianta ha bisogno di irrigazioni regolari anche 2 volte al giorno, evitare sempre i ristagni d'acqua.

    La surfinia, come la petunia e' una pianta ideale per vasi e fioriere, ma, rispetto alla petunia tradizionale, questa pianta ha una crescita e una fioritura estremamente vigorosa e puo' dar luogo ad un tappeto fittissimo di fiori o ad una vera e propria cascata della lunghezza anche di tre metri.

    ... vedi scheda completa su surfinia



    Tarassaco


    Tarassaco


    Tarassaco -Genere comprendente alcune specie erbacee, biennali o perenni e prive di fusto, appartenenti alla famiglia delle Composite. Le piante di tarassaco comune  hanno radici a fittone, foglie lanceolate, profondamente incise e riunite a rosette, e capolini con fiori gialli e piatti, retti da piccioli cavi simili a fusti

    Tarassaco: Introduzione e Caratteristiche Generali
    Il tarassaco, scientificamente noto come Taraxacum officinale, è una pianta erbacea appartenente alla famiglia delle Asteraceae. è una delle piante più comuni e riconoscibili, grazie al suo caratteristico fiore giallo e ai suoi frutti a forma di pappo.

    Le radici contengono una sostanza utilizzata come lassativo. Le foglie possono essere consumate in insalata. Raramente coltivato, il tarassaco comune è una specie erbacea persistente che si trova in tutte le regioni temperate.

    Morfologia e Struttura della Pianta
    La pianta del tarassaco ha una morfologia caratterizzata da una rosetta basale di foglie, da cui si sviluppa un lungo fusto cavo e ramificato che può raggiungere un'altezza di circa 30 centimetri. Le foglie sono di forma lanceolata, con bordi dentellati o lobati. I fiori sono di colore giallo brillante e si presentano in capolini raccolti in infiorescenze.

    Ciclo di Vita e Riproduzione del Tarassaco
    Il tarassaco ha un ciclo di vita perenne. La pianta si riproduce sia per via sessuale che asessuale. La riproduzione sessuale avviene tramite l'impollinazione dei fiori da parte degli insetti, mentre la riproduzione asessuale avviene attraverso la produzione di semi e l'emissione di piccoli bulbilli, chiamati "soffioni", che vengono trasportati dal vento e si disperdono per la riproduzione.



    ... vedi scheda completa su tarassaco



    Tulipano


    Tulipano


    Tulipano - Specie erbacee e da bulbo, appartenenti alla famiglia delle Liliacee e ampiamente coltivate in tutto il mondo per i loro fiori appariscenti.

    Dalle specie spontanee sono state ottenute innumerevoli varietà, coltivate nei giardini e nei vivai. I tulipani sono caratterizzati da lunghe foglie parallelinervie e da grandi fiori solitari, dalla tipica forma a coppa, retti da un lungo fusto eretto.

    I fiori possono essere semplici o doppi e in genere hanno colori sgargianti e vivaci, per lo più uniformi, ma in alcuni casi screziati. Le varietà coltivate vengono in genere distinte in base al tipo di fiore prodotto dalla pianta.

    Origine e storia del tulipano
    Il tulipano (Tulipa) è un fiore appartenente alla famiglia delle Liliaceae ed è originario delle regioni dell'Asia centrale, principalmente della Turchia, dove è stato coltivato per secoli. Il termine "tulipano" deriva dalla parola turca "tulbent", che significa "turbante", poiche' la forma del fiore somiglia al copricapo indossato in passato.

    La coltivazione dei tulipani ha avuto origine nel periodo dell'Impero Ottomano, intorno al XVI secolo. La storia dei tulipani è legata a un fenomeno noto come "tulipomania", avvenuto nei Paesi Bassi nel XVII secolo. Durante questo periodo, i tulipani divennero una specie di mania speculativa, con i prezzi dei bulbi che aumentavano a livelli esorbitanti. Questa speculazione portò a una bolla economica che scoppiò nel 1637, causando una crisi finanziaria nota come "crisi dei tulipani". Nonostante ciò, i tulipani continuarono a essere molto popolari e la loro coltivazione si diffuse in tutto il mondo.

    Caratteristiche e varietà di tulipani
    I tulipani sono fiori bulbosi con foglie strette e lanceolate e fiori a forma di coppa con sei petali distinti. Le dimensioni dei fiori e i colori possono variare notevolmente a seconda della varietà. Esistono migliaia di varietà di tulipani, ognuna con caratteristiche uniche. Alcune delle varietà più comuni includono:

    Tulipani semplici: con un unico colore uniforme e una forma a coppa classica.
    Tulipani a fioritura doppia: con più petali che danno ai fiori una forma più piena e rotonda.
    Tulipani a fioritura a frangia: caratterizzati da petali frastagliati o frangiati.
    Tulipani a fioritura rembrandt: con striature o disegni spezzati sui petali, simili alle opere del pittore olandese Rembrandt.
    Tulipani perenni: varietà che tornano ogni anno senza dover essere scavate e ripiantate annualmente.

    Coltivazione e cura dei tulipani
    I tulipani sono generalmente coltivati a partire dai bulbi, che vengono piantati in autunno per fiorire in primavera. Ecco alcuni passi fondamentali per la coltivazione e la cura dei tulipani:

    1. Piantagione: i bulbi di tulipano vanno piantati in un terreno ben drenato, in un'area esposta al sole. Di solito, vengono piantati a una profondità di circa 15 cm.

    2. Innaffiatura: durante il periodo di crescita, i tulipani hanno bisogno di regolari annaffiature, soprattutto se il clima è secco.

    3. Cura invernale: molti tulipani sono resistenti al freddo, ma in regioni con inverni rigidi, è possibile aggiungere uno strato di pacciame intorno alle piante per proteggerle dal gelo.

    4. Potatura: dopo la fioritura, è consigliabile tagliare i fiori appassiti per favorire una crescita sana delle piante.

    5. Scavo e conservazione dei bulbi: una volta che le foglie dei tulipani sono appassite, i bulbi possono essere scavati, puliti e conservati in un luogo fresco e asciutto fino al momento della piantagione dell'anno successivo.



    ... vedi scheda completa su tulipano



    Verbena


    Verbena


    Verbena (Verbena officinalis) - Pianta perenne originaria delle regioni mediterranee. Cresce fino a 30 - 60 centimetri. Ha un gambo legnoso e ramificato con foglie lucide e leggermente pelose.

    La verbena è una pianta erbacea perenne appartenente alla famiglia delle Verbenaceae. è conosciuta anche con il nome scientifico di Verbena officinalis o semplicemente come verbena comune. Questa pianta è nota per le sue proprietà aromatiche e medicinali, oltre ad essere una pianta ornamentale popolare in giardini e aiuole.

    La foglie piu' basse sono obovate, profondamente incise e peduncolate; le superiori sono lanceolate, sessili e dentellate. I fiori sono piccoli, di colore viola, e sono disposti in spighe lunghe e sottili. Fiorisce da luglio a settembre.
    Si riproduce per seme o per talea.

    Caratteristiche e descrizione della verbena
    La verbena è una pianta con un portamento eretto, che può raggiungere un'altezza di circa 30-60 centimetri. Le foglie sono lanceolate e seghettate lungo i bordi, di colore verde scuro e possono essere leggermente pelose. I fiori sono piccoli, riuniti in infiorescenze a spiga e possono essere di vari colori, tra cui rosa, viola, blu, bianco e rosso.

    La pianta di verbena è nota per il suo profumo piacevole e viene spesso utilizzata nell'industria profumiera e cosmetica. Inoltre, le foglie e i fiori contengono sostanze utili per la preparazione di tisane e infusi che possono avere effetti rilassanti e calmanti.



    ... vedi scheda completa su verbena



    Viburno


    viburno


    Viburno - pianta che appartiene alla famiglia delle Caprifoliaceae, ed e' caratterizzata da foglie caduche e fiori bianchi o rosa che fioriscono in primavera.

    Descrizione:
    La pianta produce anche frutti di colore rosso, viola o nero che maturano in autunno e sono commestibili, ma spesso amari.

    Il viburno e' molto utilizzato come pianta ornamentale nei giardini, grazie alla sua bellezza e alla sua capacita' di attirare api e farfalle. Inoltre, alcune specie di viburno sono utilizzate in erboristeria per le loro proprieta' medicinali, come ad esempio il Viburnum opulus, che viene utilizzato per alleviare i crampi mestruali e i dolori muscolari.

    Coltivazione del Viburno:
    Ecco alcuni consigli sulla coltivazione del fiore di viburno:

    - Posizione: Il viburno cresce bene in posizioni soleggiate o parzialmente ombreggiate. Evitare le zone troppo esposte al vento e al sole diretto.

    - Terreno: Il viburno cresce bene in terreni ben drenati, fertili e ricchi di sostanza organica. Assicurarsi di avere un terreno ben preparato prima di piantare il viburno.

    - Piantare il viburno: Piantare il viburno in autunno o in primavera. Scavare una buca larga e profonda almeno doppio della dimensione della radice. Posizionare la pianta nella buca, coprire con terra e compattare bene.

    - Innaffiare: Innaffiare il viburno regolarmente, soprattutto durante i periodi di siccita'.

    - Potatura: Il viburno ha bisogno di essere potato ogni anno per mantenerlo in buona salute. Potare le parti danneggiate o malate e rimuovere i rami vecchi e deboli. La potatura dovrebbe essere effettuata in autunno o in primavera.

    - Concimazione: Concimare il viburno ogni anno con un concime a lenta cessione ricco di azoto, fosforo e potassio.

    - Controllo delle malattie e dei parassiti: Il viburno puo' essere attaccato da malattie fungine e parassiti. Controllare regolarmente la pianta e intervenire tempestivamente in caso di problemi.



    ... vedi scheda completa su viburno



    Viola


    Viola


    Viola - Genere di piante fiorifere appartenenti alla famiglia delle Violacee. Esistono numerose varietà coltivate di viola, ottenute da alcune specie selvatiche e caratterizzate da fiori di forma, colore e profumo caratteristici.

    Gran parte di queste piante hanno fusti molto corti e le foglie sembrano spuntare direttamente dal terreno; altri tipi di viole e violette hanno, invece, fusti piu' allungati. Tra le specie piu' comuni si ricordano la viola del pensiero e la viola mammola.

    Caratteristiche botaniche della Viola
    Le viole (genere Viola) sono piante erbacee perenni, Presentano le seguenti caratteristiche botaniche:

    Foglie: le foglie delle viole sono alterne, con forma variabile da ovale a lanceolata, con margine dentato o lobato. Sono di colore verde scuro e possono avere una peluria sulla superficie.

    Fiori: i fiori delle viole sono caratterizzati da una corolla composta da cinque petali, di cui due superiori più grandi e tre inferiori più piccoli. I petali possono essere di diversi colori, tra cui viola, blu, bianco, giallo o rosa. Alcune specie presentano macchie o striature sulle corolle.

    Frutti: dopo la fioritura, le viole producono dei frutti a forma di capsula che contengono numerosi semi.

    Radici: le viole hanno un sistema radicale fibroso e poco profondo.

    Habitat e distribuzione delle viole
    Le viole sono piante molto diffuse e si trovano in molte parti del mondo, ad eccezione delle zone tropicali e desertiche. Sono presenti principalmente nelle regioni temperate dell'emisfero settentrionale, ma alcune specie si trovano anche in Sud America, Africa e Australia. Le viole preferiscono habitat umidi, come prati, boschi, pendii e zone umide, ma possono adattarsi a diversi tipi di suolo e condizioni climatiche.

    Varietà e specie di viole
    Il genere Viola comprende numerose specie e varietà, tra cui le più comuni sono:

    Viola odorata: conosciuta anche come violetta del pensiero, è una specie molto diffusa, caratterizzata da fiori profumati di colore viola scuro.

    Viola tricolor: conosciuta anche come viola selvatica, presenta fiori tricolori con petali viola, bianchi e gialli.

    Viola cornuta: è una specie originaria delle Alpi e dei Pirenei, caratterizzata da fiori di colore viola, bianco, giallo o blu.

    Viola sororia: nota anche come violetta dei boschi, è una specie originaria del Nord America, con fiori blu o viola.

    Viola hederacea: è una specie originaria dell'Australia, caratterizzata da fiori blu o viola e foglie a forma di cuore.



    ... vedi scheda completa su viola



    Violetta


    Violetta


    Violetta - Genere di specie fiorifere, appartenenti alla famiglia delle Gesneriacee e, nonostante il nome, non affini alle viole. Sono piante erbacee perenni, di piccole dimensioni e coperte di peluria, con foglie tutte radicali, ovali, lungamente picciolate e carnose.

    I fiori, di colore violetto, sono portati da scapi eretti, lunghi 6-8 centimetri e terminanti in una piccola infiorescenza cimosa. Si tratta di specie native delle montagne della Tanzania e del Kenya, nell'Africa orientale, ampiamente coltivate. Dalle specie selvatiche sono state ottenute numerose varieta' che comprendono piante con fiori doppi, dai colori svariati.

    Caratteristiche della violetta africana:
    La violetta africana, scientificamente conosciuta come Saintpaulia, è originaria delle regioni tropicali dell'Africa orientale, in particolare delle montagne dell'attuale Tanzania e Kenya. E' stata scoperta nel 1892 dal barone Walter von Saint Paul-Illaire, da cui prende il nome.

    La pianta si è diffusa in tutto il mondo grazie alla sua bellezza e alla facilità di coltivazione. Oggi è ampiamente coltivata come pianta da interno in molte parti del mondo, compresi i climi temperati.

    Caratteristiche fisiche
    La violetta africana è una pianta perenne che cresce in modo compatto e denso. Solitamente raggiunge un'altezza di 15-30 centimetri, ma alcune varietà possono crescere fino a 45 centimetri.

    Le foglie della violetta africana sono carnose e di forma rotonda o ovale. Hanno una consistenza vellutata e possono essere di colore verde scuro o varie tonalità di verde, a seconda della varietà.

    I fiori sono la caratteristica distintiva della violetta africana. Sono piccoli, con un diametro di 2-5 centimetri, e hanno una forma a imbuto con cinque petali. I colori dei fiori possono variare notevolmente, tra cui viola, blu, rosa, bianco, lilla e anche varietà multicolori. Alcune varietà possono avere fiori con striature o bordi frastagliati.



    ... vedi scheda completa su violetta



    Zinnia


    Zinnia


    Zinnia - Genere di specie fiorifere, annuali e perenni, originarie del Centro America. Le zinnie sono piante rustiche caratterizzate da un fusto eretto, su cui sono inserite larghe foglie opposte e appariscenti infiorescenze terminali a capolino. Dalle originali specie spontanee sono state ricavate innumerevoli varietà da giardino, dai tratti e dai colori più svariati. Alcune hanno piccoli fiori singoli, altre grandi fiori doppi.

    Breve introduzione alla pianta di Zinnia
    La pianta di Zinnia è una specie di pianta erbacea annuale appartenente alla famiglia delle Asteraceae. è originaria del Nord America, ma è ampiamente coltivata in tutto il mondo come pianta ornamentale.

    Le Zinnie sono caratterizzate da fiori vistosi e colorati, che possono variare dal bianco al giallo, dall'arancione al rosso, al rosa e al viola. I fiori possono essere singoli o doppi e hanno un aspetto simile a quello delle margherite.
    Le foglie delle Zinnie sono di forma lanceolata o ovale e possono essere di colore verde scuro o verde chiaro, a seconda della varietà.

    Le Zinnie sono piante molto versatili e possono essere coltivate in giardino, in vaso o come fiori recisi. Sono anche molto apprezzate dalle farfalle e dalle api, che si nutrono del nettare dei fiori.

    Classificazione botanica delle Zinnie
    La classificazione botanica delle Zinnie è la seguente:
    Regno: Plantae
    Divisione: Magnoliophyta
    Classe: Magnoliopsida
    Ordine: Asterales
    Famiglia: Asteraceae
    Genere: Zinnia
    Specie: varie, tra cui Zinnia elegans, Zinnia angustifolia e Zinnia haageana

    Le Zinnie sono piante facili da coltivare e richiedono poche cure. Hanno bisogno di una posizione soleggiata, di un terreno ben drenato e di annaffiature regolari. Possono essere seminate direttamente in giardino o coltivate in vaso, a seconda delle preferenze personali.



    ... vedi scheda completa su zinnia






    Geox: scopri le nuove offerte Amazon! Scarpe a partire da 30


    Dai uno sguardo al vastissimo catalogo dedicato alle scarpe Geox presente su Amazon, dove potete trovare ben 8 pagine di scarpe in sconto a partire da 30,00!

    VAI AL SITO


    Guess + Guess Originals - Scarpe Risparmia fino al 80%


    Se ami la moda, sei nel posto giusto


    Su Priv by Zalando trovi ogni giorno nuove offerte sui tuoi marchi preferiti e nuovi incredibili tesori tutti da scoprire.
    E con queste incredibili offerte potrai risparmiare fino all'75%

    VAI AL SITO


    ManoMano: Bagno nuovo dalla A alla Z!


    Niente di meglio di un bagno nuovo per ravvivare il mese di febbraio.


    Ultimi giorni per approfittare degli sconti sulla selezione dedicata al bagno!

    VAI AL SITO


    Prenota il tuo viaggio a Dubai con lol.travel


    A Dubai non trovi solo l'acqua cristallina, le lunghe spiagge dorate ed i club esclusivi. Scopri i tanti appuntamenti dedicati all'Arte che si tengono qui ogni anno e vivi un'esperienza davvero indimenticabile!


    Utilizza il codice LOLDUBAI2024 per ottenere uno sconto del 10% sulla prenotazione del tuo hotel a Dubai!

    VAI AL SITO


    15%** di sconto extra ❄️ Saldi di fine stagione: nuove offerte


    Marchi prestigiosi a prezzi imbattibili Sconti esclusivi fino al 75 dal prezzo originale

    VAI AL SITO


    - Vedi tutte le News
    - Iscriviti al canale Telegram