Voi siete qui: Home > piante da esterno > dalla f alla g



  • VidaXL: Tutto per il tuo giardino con sconti fino al 10% CodSconto: DEALS-XL
    Entra in un'oasi verde con i nostri saldi stagionali! Dai graziosi vasi e fioriere alle scintillanti luci da esterno, alle robuste recinzioni e alle eleganti sedie in rattan, i nostri sconti esclusivi ti faranno fiorire risparmiando. Migliora il tuo giardino, un affare elegante alla volta. La promozione Ŕ valida dal 1 marzo 2024 al 29 agosto 2024 solo per i prodotti presenti nelle pagine promozionali, senza valore minimo d'ordine.
    Vedi Tutti i Coupon VidaXL






  • Le Piante da giardino dalla A alla Z:
    A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z


    Festuca

    Festuca - Genere di erbacee perenni della famiglia Graminacee, utili per foraggio e per l'inerbimento di campi sportivi e aiuole.
    Erba verde scuro con foglie di media larghezza; molto robusta; preferisce il sole; molto resistente alla siccita'.


    Descrizione

    Festuca e' il nome comune di alcune piante appartenenti al genere Festuca (famiglia delle Poaceae o Graminacee).
    Specie microterma, molto utilizzata nella realizzazione di tappeti erbosi poiche' tollera caldo, siccita' e ombra. Rimane verde tutto l'anno e resiste a molte malattie, sopporta molto bene l'usura ed e' molto persistente anche in caso di scarsa manutenzione.


    Coltivazione

    Pianta adatta al clima italiano e predilige suoli fertili, con un ph di 6 - 6,5. Viene spesso usata anche nei campi di calcio.

    In campo agronomico riveste un notevole importanza per la produzione di fieno, in quanto specie a rapido essiccamento, seguita da Dactylis glomerata e Phleum pratense.

    ...vedi scheda completa su festuca



    Ficus

    Ficus - (Ficus elastica)
    Famiglia: Moraceae. Del genere Ficus si conoscono circa 800 specie tra arbusti, alberi e rampicanti.


    Descrizione

    Sono piante eleganti, caratterizzate da un fogliame molto ornamentale e diversificato. Foglie spesse e coriacee con venature molto evidenti. Le foglie, di un bel colore verde scuro sulla pagina superiore, sono lucide.

    Il Ficus elastica e' una pianta arborea originaria delle zone umide tropicali, allo stato spontaneo e' un albero alto piu' di 30 m, ha grandi foglie ovali verde scuro lucente a volte screziate di giallo con la punta pronunciata, i germogli delle foglie sono ricoperti da una brattea protettiva rosa o rossastra.
    In vaso fiorisce difficilmente e raggiunge l'altezza di 2,5 m con forma eretta e decisa.


    Coltivazione

    E' una specie molto resistente e in grado di sopportare molto bene le condizioni ambientali talvolta difficili presenti in un appartamento.
    Richiede clima caldo umido e posizione luminosa ma non luce solare diretta, annaffiature regolari piu' abbondanti in estate diradate d'inverno, teme gli ambienti secchi e si giova di spruzzature frequenti sulle foglie.
    Concimazioni 2 volte al mese nella bella stagione con fertilizzanti liquidi organici e minerali alternati per avere foglie ben colorate, si rinvasano quando le radici hanno riempito completamente il vaso, in primavera utilizzando terriccio universale ben drenato, negli esemplari di maggiori dimensioni rinterrare.


    Moltiplicazione

    La moltiplicazione avviene generalmente per margotta all'inizio dell'estate, utilizzata anche per rinnovare le piante che tendono a diradarsi nella zona inferiore.

    ...vedi scheda completa su ficus



    Forsythia

    Forsythia - (detta anche Forsizia)
    Famiglia: Oleaceae. Il genere Forsythia raggruppa poche specie (7) di arbusti a foglie caduche, caratterizzati da misure e forme diverse.


    Descrizione

    Si tratta di piante molto rustiche che ben si adattano alle diverse condizioni ambientali. Arbusto ornamentale coltivato nelle zone temperate per i suoi fiori penduli, di color giallo intenso, che compaiono prima delle foglie (marzo - aprile). Foglie opposte, lanceolate e di colore verde brillante.

    Generalmente fioriscono alla fine dell'inverno, prima della ripresa vegetativa, ricoprendosi di fiori di colore giallo-zolfo, con foglie oblunghe o tondeggianti a volte seghettate.
    Le specie coltivate come piante ornamentali nei giardini per siepi sono con corolle di colore giallo brillante e sbocciano con fiori a gruppetti di tre all'inizio della primavera.


    Coltivazione

    La pianta predilige posizioni da pieno e mezzo sole e non ha particolari esigenze di substrato. Resiste bene agli interventi di potatura, che si consiglia di effettuare subito dopo la fioritura e vegeta bene sia su terreni sciolti che argillosi, non possedendo esigenze particolari, fatto questo che rende la pianta di facilissima coltura.


    Moltiplicazione

    La moltiplicazione avviene facilmente per talea legnosa, utilizzando i rami di 1 anno potati dopo la fioritura; per margotta o propaggine; e' possibile la coltivazione in vaso per decorare i terrazzi.

    ...vedi scheda completa su forsythia



    Fritillaria

    Fritillaria - genere di piante erbacee della famiglia delle Liliacee con fiori penduli campanulati, di vario colore. Fra le piu' note: Fritillaria imperialis, detta corona imperiale; Fritillaria meleagris, detta dama a scacchiera, indigena delle Alpi tridentine.


    Descrizione

    Il genere Fritillaria comprende piante bulbose distribuite nelle regioni temperate dell'emisfero settentrionale, alte da 25 cm fino a 1,20 m. a seconda della specie, con fiori gialli, verdi, blu, arancio, scarlatto, rosso-brunastro, in tinta unica o screziati.
    Fiore sempre unico con tepali di colore verdastro-giallo-porporino, con evidenti macchie piu' chiare. Fiorisce da maggio a luglio.


    Coltivazione

    Preferisce esposizione al sole o mezzo-sole, terreno fresco ma ben drenato, leggero non calcareo.
    Si possono coltivare anche in contenitore. Si interrano per 7-10 cm, lasciando uno spazio di 10-15 cm tra ogni pianta.


    Moltiplicazione

    La moltiplicazione avviene facilmente con i bulbetti prodotti lateralmente dal grosso bulbo centrale.

    ...vedi scheda completa su fritillaria



    Gaillardia


    Gaillardia - Genere di piante delle Asteraceae, coltivate per i fiori, i periferici di color giallo-arancione, quelli centrali rossi.

    Descrizione della Gaillardia
    La Gaillardia e' una margherita con petali sfrangiati e colori brillanti, spesso aranciati e caldi quanto la stagione di fioritura. Crea macchie variopinte, allegre ed esuberanti. E' una pianta frugale che ama i terreni ben drenati e moderatamente concimati.
    Comprende le seguenti specie: Gaillardia amblyodon e Gaillardia aristata (Pianta erbacea perenne) e Gaillardia pulchella (Pianta erbacea annuale).

    Habitat e distribuzione geografica della Gaillardia
    La Gaillardia è un genere di piante della famiglia delle Asteraceae, originarie del Nord America. Sono piante perenni che crescono in habitat aperti e soleggiati, come praterie, prati e pendii rocciosi.

    La Gaillardia è distribuita in gran parte del Nord America, dalla Canada meridionale agli Stati Uniti centrali e meridionali, fino al Messico settentrionale. Alcune specie sono state introdotte in Europa come piante ornamentali e si sono naturalizzate in alcune regioni.

    In generale, la Gaillardia è una pianta resistente e adattabile che cresce bene in climi temperati e aridi. Le diverse specie di Gaillardia possono avere esigenze di coltivazione leggermente diverse, ma in generale preferiscono un terreno ben drenato e pieno di sole.

    Varietà e cultivar di Gaillardia
    Esistono diverse varietà e cultivar di gaillardia disponibili per il giardinaggio, ognuna con le proprie caratteristiche distintive. Ecco alcune delle più popolari:

    Gaillardia aristata: Questa è la specie selvatica originaria dell'America settentrionale e rappresenta la forma di base della gaillardia. I fiori sono generalmente di colore rosso e giallo.

    Gaillardia pulchella: Comunemente nota come "gaillardia multicolore", questa specie è apprezzata per la sua abbondanza di fiori dai petali di diverse tonalità di rosso, arancione e giallo. Le cultivar popolari includono 'Goblin' e 'Burgundy'.

    Gaillardia x grandiflora: Questa è una specie ibrida derivata dall'incrocio tra Gaillardia aristata e Gaillardia pulchella. Le piante risultanti sono vigorose e producono grandi fiori dai colori vivaci. Alcune delle cultivar popolari includono 'Arizona Sun', 'Fanfare', 'Oranges and Lemons' e 'Mesa Peach'.

    Gaillardia 'Burgundy Halo': Questa cultivar presenta fiori grandi con un centro scuro circondato da petali di colore rosso bordeaux. E' una scelta popolare per i giardini grazie al suo aspetto distintivo.

    Gaillardia 'Goblin': Questa cultivar compatta produce una profusione di fiori dai colori vivaci, tra cui il rosso, l'arancione e il giallo. E' adatta per i giardini di piccole dimensioni o per i vasi.

    Gaillardia 'Oranges and Lemons': Questa cultivar presenta fiori di colore arancione brillante con punte gialle. E' una scelta ideale per aggiungere contrasto e vivacità ai giardini.

    Gaillardia 'Arizona Sun': Questa cultivar è caratterizzata da fiori rosso brillante con punte gialle. E' notevole per la sua lunga fioritura e la resistenza al calore.

    Gaillardia 'Mesa Peach': Questa cultivar produce fiori di un delicato colore pesca, creando un aspetto morbido e romantico nel giardino.

    Ciclo di vita e fioritura della Gaillardia
    La Gaillardia è una pianta perenne che mostra un ciclo di vita relativamente lungo. Ecco una panoramica del ciclo di vita e della fioritura della Gaillardia:

    Germinazione:
    La Gaillardia può essere coltivata da semi o acquistata come pianta già sviluppata. Se coltivata da seme, i semi di Gaillardia vengono seminati in primavera o in autunno, seguendo le istruzioni specifiche per il seme acquistato.

    Fase vegetativa:
    Dopo la germinazione, la pianta entra nella fase vegetativa. Durante questa fase, la Gaillardia sviluppa foglie verdi e robuste e produce un sistema radicale solido. La pianta si espande e forma ciuffi o cespugli compatti di fogliame.

    Fioritura:
    La Gaillardia è ampiamente apprezzata per la sua abbondante fioritura estiva. Solitamente, i fiori iniziano a sbocciare da metà estate e continuano fino all'autunno. I fiori di Gaillardia sono tipicamente simili a margherite e possono variare nel colore, inclusi toni di rosso, giallo, arancione e marrone. Le infiorescenze possono essere singole o multiple e si sviluppano sulla cima di fusti eretti.

    Impollinazione e riproduzione:
    Durante la fioritura, la Gaillardia attira api, farfalle e altri insetti impollinatori, che contribuiscono alla fertilizzazione dei fiori. Dopo l'impollinazione, la pianta può produrre semi che cadono a terra e possono germinare nelle condizioni adatte. Questo contribuisce alla riproduzione e alla diffusione naturale della pianta.

    Inverno e dormienza:
    Dopo la fioritura, la Gaillardia può entrare in uno stato di dormienza durante i mesi invernali. Durante questo periodo, la pianta si ritira nella parte sotterranea, riducendo l'attività vegetativa e aspettando condizioni più favorevoli per tornare in crescita.

    E' importante notare che il ciclo di vita e la fioritura della Gaillardia possono variare leggermente a seconda delle condizioni climatiche, delle varietà specifiche e delle cure colturali. In generale, tuttavia, la Gaillardia è una pianta perenne che offre una bella fioritura estiva prolungata e può arricchire i giardini con il suo splendore colorato.



    Gaillardia pianta



    Tecniche di propagazione della Gaillardia
    La Gaillardia può essere propagata tramite diverse tecniche, tra cui:

    - Semi:
    La propagazione da seme è un metodo comune per la Gaillardia. Puoi raccogliere i semi dalle piante mature o acquistare semi da fornitori specializzati. Semina i semi in un substrato di semina ben drenante in primavera o in autunno. Copri leggermente i semi con un sottile strato di substrato e mantieni il terreno umido fino a quando i semi germogliano, solitamente entro 2-3 settimane. Una volta che le piantine sono abbastanza grandi, trapiantale in vasi o in pieno campo.

    - Divisione dei ciuffi:
    Puoi propagare la Gaillardia dividendo i ciuffi esistenti. Questa tecnica può essere utilizzata per moltiplicare le piante mature e per ringiovanire i ciuffi più vecchi. Scava il ciuffo principale con attenzione, quindi separa i ciuffi laterali in piccole porzioni, assicurandoti di includere parte del sistema radicale. Trapianta le divisioni in vasi o in pieno campo, mantenendo il terreno umido fino a quando si stabilizzano.

    - Talee:
    La propagazione per talee è un'altra opzione, anche se meno comune, per la Gaillardia. Prendi talee di steli non fioriti o parzialmente fioriti in primavera o in estate. Rimuovi le foglie basali e immergi le talee in un ormone radicante per stimolare la formazione delle radici. Pianta le talee in un substrato umido e ben drenato e mantienile in un ambiente caldo e luminoso fino a quando si radicano.

    Indipendentemente dal metodo di propagazione scelto, è importante fornire alle nuove piante un terreno ben drenato, una buona esposizione al sole e un'adeguata irrigazione durante le prime settimane di radicazione.

    Cura e manutenzione della Gaillardia
    Ecco alcuni consigli per la cura e la manutenzione della Gaillardia:

    - Irrigazione:
    La Gaillardia è tollerante alla siccità una volta stabilita, ma durante i periodi di siccità prolungata, assicurati di fornire un'adeguata irrigazione per mantenere il terreno umido. Evita di lasciare il terreno costantemente inzuppato, poich├ę ciò può causare problemi di marciume radicale. L'irrigazione regolare durante la fioritura può favorire una fioritura più abbondante.

    - Pacciamatura:
    L'applicazione di uno strato di pacciamatura intorno alle piante di Gaillardia può aiutare a trattenere l'umidità nel terreno, ridurre la crescita delle erbe infestanti e mantenere una temperatura del suolo stabile. Usa paglia, corteccia o altro materiale organico come pacciamatura intorno alle piante, assicurandoti di lasciare uno spazio attorno al colletto della pianta per evitare problemi di marciume.

    - Fertilizzazione:
    La Gaillardia generalmente non richiede una fertilizzazione eccessiva, ma l'applicazione di un fertilizzante equilibrato una o due volte durante la stagione di crescita può favorire una fioritura più abbondante. Segui le istruzioni sulla confezione per determinare la quantità e la frequenza di applicazione del fertilizzante.

    - Potatura:
    La Gaillardia non richiede una potatura regolare, ma puoi potare le piante dopo la fioritura per rimuovere i fiori appassiti e favorire una nuova crescita. Questo può anche contribuire a mantenere l'aspetto ordinato della pianta. Puoi anche potare le piante a metà stagione per promuovere una seconda fioritura.

    - Controllo delle infestanti:
    Mantieni l'area intorno alle piante di Gaillardia priva di erbacce per ridurre la competizione per l'acqua e i nutrienti. Puoi rimuovere le erbacce manualmente o utilizzare tecniche di pacciamatura per ridurre la crescita delle erbacce.

    - Protezione invernale:
    La Gaillardia è generalmente resistente e può sopravvivere all'inverno senza protezione in aree con inverni miti. Tuttavia, nelle regioni con inverni rigidi, potrebbe essere necessario applicare uno strato di pacciame intorno alla base delle piante per proteggere le radici dal freddo estremo.

    - Divisione dei ciuffi:
    Se i ciuffi di Gaillardia diventano troppo densi o iniziano a declinare, puoi praticare la divisione dei ciuffi per ringiovanire le piante. Questa operazione può essere eseguita in primavera o in autunno. Scava il ciuffo principale con attenzione, quindi separa i ciuffi laterali in piccole porzioni e trapiantale in nuove posizioni.

    Seguendo queste pratiche di cura e manutenzione, la Gaillardia può fiorire abbondantemente e mantenere un aspetto sano nel tuo giardino.

    Malattie e parassiti comuni della Gaillardia
    La Gaillardia è generalmente una pianta resistente alle malattie e ai parassiti, ma può occasionalmente essere soggetta ad alcuni problemi. Ecco alcune delle malattie e dei parassiti comuni che possono colpire la Gaillardia:

    1. Oidio: L'oidio è una malattia fungina che causa la formazione di una patina biancastra o grigiastra sulle foglie e sui fiori. Può essere controllato attraverso l'applicazione di fungicidi appropriati. Assicurati di fornire una buona circolazione dell'aria e di evitare l'eccessiva umidità, poich├ę l'oidio si sviluppa in condizioni di umidità elevata.

    2. Ruggine: La ruggine è una malattia fungina che provoca la formazione di pustole di colore arancione o marrone sulle foglie. Può essere controllata mediante l'applicazione di fungicidi specifici per la ruggine. Rimuovi e distruggi le piante gravemente infette per prevenire la diffusione della malattia.

    3. Muffa grigia: La muffa grigia, causata dal fungo Botrytis cinerea, può colpire i fiori e le foglie della Gaillardia, causando macchie grigie o marroni e un aspetto appassito. Mantenere una buona circolazione dell'aria e ridurre l'umidità può aiutare a prevenire l'insorgenza della muffa grigia.

    4. Afidi: Gli afidi sono parassiti comuni che possono attaccare la Gaillardia, succhiando la linfa e causando deformazioni delle foglie e dei fiori. Puoi controllare gli afidi utilizzando acqua saponata o insetticidi specifici per gli afidi. Inoltre, incoraggia la presenza di insetti predatori benefici, come coccinelle e crisopidi, che si nutrono degli afidi.

    5. Tripidi: I tripidi sono piccoli insetti che possono causare danni alle foglie e ai fiori della Gaillardia. I danni si manifestano come macchie argentate o bronzee e fiori deformati. Puoi controllare i tripidi utilizzando insetticidi specifici o atrattivi per tripidi.



    Gaillardia coltivare



    Utilizzi e benefici della Gaillardia in giardinaggio
    La Gaillardia è una pianta popolare nel giardinaggio grazie alla sua bellezza vivace e alla facilità di coltivazione. Ecco alcuni utilizzi e benefici della Gaillardia in giardinaggio:

    Fioritura colorata: La Gaillardia è apprezzata per i suoi fiori dal colore vivace, che possono essere gialli, arancioni, rossi o una combinazione di questi colori. I fiori a forma di margherita hanno un aspetto accattivante e attirano farfalle, api e altri insetti impollinatori.

    Fioritura prolungata: La Gaillardia ha una fioritura prolungata, spesso dall'estate fino all'autunno. Ciò significa che puoi godere dei suoi splendidi fiori per un lungo periodo di tempo nel tuo giardino.

    Adattabilità: La Gaillardia è una pianta resistente e adatta a diverse condizioni di coltivazione. Può sopportare il caldo, la siccità e tollera anche terreni meno fertili. E' una scelta ideale per giardini xeriscape e giardini con terreni difficili.

    Fiori da taglio: I fiori della Gaillardia sono adatti anche per l'uso come fiori da taglio. Puoi raccoglierli per creare bellissimi bouquet e arrangiamenti floreali per decorare la tua casa.

    Aspetti storici e culturali associati alla Gaillardia
    Origine: La Gaillardia è nativa del Nord America e prende il nome da Gaillard de Marentonneau, un botanico francese del XVIII secolo.

    Simbolismo: La Gaillardia è spesso associata a significati simbolici come la forza, il coraggio e la determinazione. I suoi colori vivaci rappresentano anche la gioia e l'energia.

    Piante indigene: La Gaillardia è considerata una pianta indigena in diverse regioni dell'America del Nord. E' spesso presente in praterie e in habitat naturali.

    Curiosità e leggende legate alla Gaillardia
    Non ci sono molte leggende o curiosità specifiche legate alla Gaillardia come pianta. Tuttavia, ecco alcune informazioni interessanti sulla pianta che potrebbero suscitare la tua curiosità:

    1. Nome comune "Coppa indiana": In alcune regioni, la Gaillardia è chiamata "Coppa indiana" a causa della forma dei suoi fiori, che assomigliano a coppe o scodelle. Questo nome comune riflette l'aspetto distintivo dei fiori della pianta.

    2. Fiori attraenti per gli uccelli: I fiori della Gaillardia producono abbondante nettare e sono spesso visitati dagli uccelli, in particolare dai colibrì. La loro forma aperta e colori vivaci li rendono facilmente accessibili per gli uccelli che cercano cibo.

    3. Durata dei fiori: I fiori della Gaillardia possono durare a lungo. In alcune varietà, i fiori possono rimanere aperti per diverse settimane, il che rende la pianta un elemento di grande interesse per il giardinaggio e l'arredamento esterno.

    4. Fiori per il tè: Alcune specie di Gaillardia hanno fiori che possono essere utilizzati per preparare tisane o infusioni. I fiori sono raccolti e lasciati in infusione in acqua calda per creare una bevanda aromaticamente gradevole.

    5. Storia botanica: La Gaillardia è stata descritta per la prima volta nel 1786 dal botanico francese Augustin Pyramus de Candolle. Il nome "Gaillardia" gli fu dato in onore del botanico francese Gaillard de Marentonneau, che era un amico di de Candolle.

    6. Varietà ibride: Grazie alla sua popolarità come pianta ornamentale, sono state sviluppate numerose varietà ibride di Gaillardia con colori e forme di fiori diversi. Queste varietà ibride offrono una gamma ancora più ampia di opzioni per i giardinieri.

    Sebbene la Gaillardia non abbia una ricca tradizione di leggende o miti associati ad essa, la sua bellezza e la sua attraente qualità per gli uccelli e gli insetti la rendono una pianta affascinante per molti amanti del giardinaggio e degli spazi all'aperto.

    Ibridazione e miglioramento genetico della Gaillardia
    L'ibridazione e il miglioramento genetico della Gaillardia sono processi che mirano a creare nuove varietà con caratteristiche desiderabili, come colori dei fiori intensi, forme dei fiori uniche, resistenza alle malattie o adattabilità a diverse condizioni di crescita. Questi processi sono condotti da esperti di giardinaggio e botanica al fine di creare varietà più attraenti e performanti.

    L'ibridazione è il processo di incrocio selettivo tra diverse specie o varietà di Gaillardia. Viene eseguita manualmente, impollinando una pianta madre con il polline di un'altra pianta, selezionando accuratamente le piante genitori per le caratteristiche desiderate. I semi prodotti da questi incroci vengono poi seminati e le nuove piante risultanti vengono osservate e selezionate per le caratteristiche che si desidera mantenere.

    Il miglioramento genetico, a sua volta, è un processo di selezione selettiva delle piante che mostrano le caratteristiche desiderate attraverso l'ibridazione o la propagazione vegetativa. Le piante che mostrano le migliori caratteristiche vengono selezionate e coltivate in modo da stabilizzare e fissare tali tratti nella popolazione di piante.

    Attraverso l'ibridazione e il miglioramento genetico, è possibile ottenere varietà di Gaillardia con una vasta gamma di colori, dimensioni e forme dei fiori. Inoltre, si può lavorare per migliorare la resistenza alle malattie, la tolleranza alla siccità, la compatezza delle piante o la fioritura prolungata.

    E' importante sottolineare che l'ibridazione e il miglioramento genetico vengono effettuati da esperti con conoscenze specializzate nel campo della botanica e della genetica delle piante. Questi processi richiedono tempo e pazienza, poich├ę le nuove varietà devono essere rigorosamente testate e selezionate prima di essere commercializzate per l'uso in giardini e paesaggi.

    ...vedi scheda completa su gaillardia



    Garofano

    Garofano - Vedi pure la sezione Fiori
    Genere di piante erbacee, perenni, delle Cariofillacee, diffuse nelle regioni mediterranee. Il nome scientifico deriva dal greco e significa 'fiore degli dei'.


    Descrizione

    Specie tipica e' Dianthus caryophyllus, che ha fiore solitario, profumato, con corolla di color rosso-violetto costituita da cinque petali dentellati.
    Per selezione e ibridazione si sono ottenute molte cultivar a fiori doppi e di vari colori. Numerose le specie spontanee presenti in Italia. Si adattano a qualunque tipo di contenitore e in qualunque punto del giardino. Sono molto apprezzate le varieta' nane, adatte sia alle bordure nei giardini sia alle cassette sui balconi. Il fiore, singolo o doppio, ha petalo intero o dentato, mono o bicolore. Puo' essere solitario o riunito in infiorescenze a corimbo, la colorazione varia dal bianco al rosa fucsia.


    Coltivazione

    Il garofano esige esposizione soleggiata, terreno ricco di sostanze organiche e minerali, compatto, calcareo e asciutto.
    Luoghi ben soleggiati. Clima temperato, puo' sopportare qualche lieve gelata. Terreno calcareo o argilloso misto a buona terra di bosco e concime organico maturo con un po' di sabbia. Innaffiature regolari. Qualche concimazione liquida durante il primo sviluppo. Di solito si pianta in autunno, proteggendo con pacciamature o altro, in inverno.
    La fioritura avviene tra fine maggio e fine luglio. Dove le condizioni sono ottimali, puo' fiorire per molti anni.


    Moltiplicazione

    Si moltiplicano con la semina, per mezzo di talea e per divisione dei cespi.
    Facendo radicare in autunno, in sabbia, i germogli laterali bassi tolti agli steli da fiore,
    Le specie annuali vengono seminate in primavera o in cassone nel mese di febbraio, con fioritura dopo 6 mesi.
    Le specie perenni coltivate industrialmente come annuali oltre che con la semina, vengono moltiplicate per talea nel periodo invernale, riparandole con stuoie dal gelo, la fioritura inizia in settembre-ottobre fino alla primavera successiva

    ...vedi scheda completa su garofano



    Gelsomino

    Gelsomino - Famiglia - Oleaceae. Il genere Jasminum conta circa 200 specie di piante rampicanti sempreverdi, caratterizzate da fioritura invernale o primaverile.


    Descrizione

    Arbusto rampicante con foglie composte di colore verde scuro; fiori tubulosi, con corolla a forma di stella, per lo piu' di colore bianco e molto profumati; sono raggruppati in grandi grappoli. I fiori appaiono dall'autunno sino alla primavera.
    Arbusto rampicante che puo' raggiungere i 3-4 m di altezza. Presenta fusti sottili, rampicanti o ricadenti, che portano le grandi foglie composte, verde scuro, trifogliate e a lamina ellittica lunga 1 cm.
    I fiori, secondo la specie, sono bianchi, gialli o rosati, sempre numerosi e molto profumati, composti da 5 petali.
    Il piu' diffuso in Occidente e' il Jasminum officinale, con le foglie caduche, lanceolate, accuminate sulla punta ed il fiore bianco a cinque petali dal soave profumo.


    Coltivazione

    Il gelsomino va posizionato in zona luminosa e soleggiata, al riparo dal vento; per la coltivazione in vaso, meglio vicino ad una finestra luminosa.
    Temperatura: In genere i gelsomini possono sopportare brevi periodi di freddo intenso, ma nelle regioni con inverni freddi e' consigliabile coltivare queste piante in luogo riparato, evitando temperature inferiori ai -5 gradi per periodi molto prolungati.
    I gelsomini sono piante che si sviluppano senza problemi in qualsiasi terreno, prediligendo comunque substrati ricchi di humus e torba, soffici e molto ben drenati, per cui si consiglia di aggiungere della sabbia per migliorarne il drenaggio.


    Moltiplicazione

    Il sistema migliore e' quello tramite talee: di legno semimaturo, lunghe 7-10 centimetri circa, provviste di una porzione del ramo portante. Andranno interrate in un miscuglio in parti uguali di torba e sabbia, alla temperatura minima di 8-10 gradi e, una volta radicate, messe a dimora. La propagazione e' possibile anche tramite propaggine.


    Potatura

    Come tutte le specie rampicanti ha bisogno di essere contenuta nelle dimensioni tramite potatura. Si effettua in primavera asportando i germogli che fanno perdere la forma della pianta e quelli piu' deperiti.
    Agevolare la crescita con canne o archetti. Dopo la rinvasatura si procede ad una leggera potatura per favorire la crescita dei germogli laterali.

    Libri & manuali:

    ...vedi scheda completa su gelsomino



    Genziana

    fiori di Genziana

    Genziana - appartiene alla famiglia delle Gentianaceae e con il nome botanico di Gentiana.
    Le genziane provengono da climi piu' freschi di tutto il mondo, molte si trovano nelle regioni montuose. Diverse centinaia di specie in tutto il mondo includono annuali, biennali e perenni.

    Descrizione:
    Le genziane sono piante rustiche, rinomate per i loro bellissimi fiori in intense sfumature di blu. Il nome deriva da Gentius, re dell'Illiria, che si dice abbia scoperto le proprieta' benefiche delle genziane nel potenziare il sistema immunitario e digestivo.

    Tutte le specie generalmente coltivate nei giardini sono perenni, fioriscono in primavera, estate o autunno a seconda della specie e portano fiori a forma di tromba, campana o urna.
    Oltre ad essere utilizzata in erboristeria, la genziana viene utilizzata anche come aromatizzante nei liquori amari.

    Coltivazione:
    Le genziane sono esigenti e hanno bisogno di condizioni di crescita fresche, quindi e' importante assicurarsi che il tuo giardino possa davvero accoglierle.

    Piantare in primavera o in autunno in giardini rocciosi, aiuole rialzate, abbeveratoi poco profondi o bordure, a seconda delle dimensioni della pianta.

    Oltre a togliere le parti che si seccano, una volta che le piante sono dormienti, e' meglio lasciare le genziane indisturbate.

    Le genziane hanno bisogno di terreno neutro o acido, che sia drenante ma che trattiene l'umidita',

    Moltiplicazione:
    Sebbene le genziane possano essere propagate mediante divisione di specie piu' grandi o rimozione di porzioni esterne di tipi che formano stuoie, cio' dovrebbe essere fatto con cura o evitato del tutto poiche' alle genziane non piace essere disturbate.

    Proprieta' della Genziana:
    Le proprieta' terapeutiche principali della Genziana sono legate alla presenza di amari, che ne fanno una pianta utile per la digestione e il funzionamento del fegato.

    In particolare, la genziana viene utilizzata per stimolare la secrezione di bile e per ridurre il gonfiore addominale.

    Inoltre, ha proprieta' antinfiammatorie e antiossidanti e puo' essere utilizzata come coadiuvante nel trattamento di disturbi come l'anemia, la dispepsia, la perdita di appetito e l'insonnia.

    La genziana e' inoltre utilizzata in cosmesi per le sue proprieta' lenitive ed idratanti sulla pelle.

    ...vedi scheda completa su genziana



    Giardino Roccioso

    Giardino roccioso - Il giardino roccioso offre a chi non ha molto spazio la possibilita' di coltivare una certa quantita' di piante nane. E' sufficiente veramente poco spazio. Necessita piuttosto fantasia per ottenere un piccolo gioiello, vialetti, montagnole , piccole scarpate e addirittura un piccolo ruscello.


    Descrizione

    Un giardino roccioso consente di ricreare un ambiente montano, ove declivi e pietre si alternano senza un ordine ben preciso o regole fisse. Le piante adatte a colonizzare tale ambiente devono essere capaci di vivere e prosperare in terreni irregolari e sassosi.
    In natura, tali specie sono abituate a sopportare condizioni estreme, la loro robustezza permette di vivere anche su terreni aridi o battuti da forti venti.

    Libri & manuali:

    ...vedi scheda completa su giardino roccioso



    Ginestra


    Ginestra - Pianta arbustiva pioniera (Spartium junceum) della famiglia delle Fabaceae, detta anche ginestra comune o ginestra odorosa. Arbusto o piccolo albero caducifoglia robusto e vigoroso originario del Mediterraneo, che cresce in terreno ben drenato, non troppo ricco in clima mediterraneo.

    Introduzione alla ginestra: caratteristiche e origine della pianta
    La Ginestra vive preferibilmente sulle zone litoranee, su terreni sabbiosi e rocciosi, ricoprendo pendii e scarpate soleggiate.
    La Ginestra e' un arbusto diffuso allo stato naturale su scarpate e terreni difficili, secchi, sabbiosi o rocciosi, con esposizione al sole, costituendo macchie importanti per l'assetto dei suoli in pendenza e di notevole bellezza durante la fioritura.

    La ginestra è caratterizzata da fiori gialli e profumati e foglie piccole e lanceolate. E' una pianta molto diffusa nelle regioni mediterranee e può essere trovata anche in altre parti del mondo. La ginestra è spesso utilizzata come pianta ornamentale per il suo aspetto decorativo e per il suo profumo. Inoltre, alcune specie di ginestra sono utilizzate anche per scopi medicinali, grazie alle loro proprietà antinfiammatorie e diuretiche.

    Cura e coltivazione della ginestra: terreno, esposizione e irrigazione ideali
    La ginestra, nota anche come Genista, è conosciuta per i suoi fiori gialli brillanti e il suo fogliame verde. E' apprezzata anche come pianta ornamentale, per la rusticita' e facilita' di coltivazione soprattutto nei climi miti e esposta in pieno sole; necessita comunque di potature per contenere l'espansione della chioma.
    Ecco alcuni consigli sulla cura e la coltivazione della ginestra:

    - Terreno:
    La ginestra prospera in terreni ben drenati e sabbiosi. Il terreno ideale dovrebbe essere leggero, fertile e con un pH compreso tra 6,5 e 7,5. Assicurati che il terreno sia ben drenato, poich├ę la ginestra non tollera ristagni idrici.

    - Esposizione:
    La ginestra preferisce una posizione soleggiata o parzialmente ombreggiata. Cerca di collocarla in un'area in cui riceva almeno 6-8 ore di sole al giorno. L'esposizione al sole favorirà la fioritura abbondante.

    - Irrigazione:
    Durante il periodo di crescita attiva, è consigliabile irrigare regolarmente la ginestra per mantenere il terreno umido ma non inzuppato. Evita di annaffiare eccessivamente, poich├ę l'eccesso di acqua può causare marciume delle radici. Durante i periodi di riposo invernale, riduci le irrigazioni, in quanto la ginestra può sopportare brevi periodi di siccità.

    - Potatura:
    La ginestra può beneficiare di una potatura regolare per mantenere la sua forma e promuovere una fioritura rigogliosa. La potatura dovrebbe essere eseguita dopo la fioritura, generalmente nella primavera o in autunno. Rimuovi i rami morti o danneggiati e puoi anche sfoltire leggermente la pianta per promuovere una migliore circolazione dell'aria.

    - Fertilizzazione:
    Se il terreno è povero o se la pianta mostra segni di carenze nutritive, puoi fertilizzare la ginestra una volta all'anno. Utilizza un concime bilanciato o un fertilizzante a rilascio lento nella primavera, seguendo le dosi e le istruzioni riportate sull'etichetta del prodotto.

    - Protezione invernale:
    Alcune varietà di ginestra possono essere leggermente sensibili alle gelate intense. Se vivi in un'area con inverni rigidi, puoi proteggere la pianta coprendola con uno strato di pacciame o tessuto non tessuto durante i periodi di gelo intenso.



    Ginestra coltivare



    Propagazione della ginestra: metodi di moltiplicazione
    La ginestra può essere propagata attraverso diversi metodi di moltiplicazione. Ecco alcuni dei metodi più comuni:

    - Talea:
    Il metodo più comune per propagare la ginestra è tramite talea. Si preleva una talea di circa 10-15 cm di lunghezza da una pianta madre sana e vigorosa. Rimuovere le foglie inferiori dalla talea e immergere la base in un ormone di radicazione per favorire la formazione delle radici. Piantare la talea in un substrato leggero e ben drenato, mantenendo il terreno umido ma non troppo bagnato. La talea dovrebbe radicare entro poche settimane.

    - Divisione dei cespugli:
    La ginestra può anche essere propagata dividendo i cespugli esistenti. Questo metodo è più adatto per le varietà di ginestra più grandi. Durante la primavera o l'autunno, scavare il cespuglio madre e dividere le radici in più porzioni, assicurandosi che ogni porzione abbia abbastanza radici e germogli. Reimpiantare le divisioni in nuovi luoghi o in vasi con un terreno ben drenato.

    - Propagazione per seme:
    La ginestra può essere propagata anche per seme, ma questo metodo richiede più tempo e pazienza. I semi possono essere raccolti dai baccelli maturi della pianta madre e seminati in un terreno ben drenato. I semi dovrebbero essere coperti leggermente con terra e mantenuti umidi fino alla germinazione. La germinazione può richiedere diverse settimane o mesi. Una volta che le piantine sono abbastanza grandi, possono essere trapiantate in vasi o in piena terra.

    - Propagazione per margotta:
    Un altro metodo di propagazione della ginestra è tramite margotta. Questo metodo coinvolge l'incisione di un ramo basso della pianta madre e l'applicazione di un ormone radicante sulla ferita. Avvolgere la ferita con un substrato umido e coprirlo con un sacchetto di plastica per creare un ambiente umido. Dopo qualche tempo, le radici si formeranno e la margotta può essere separata dalla pianta madre e reimpiantata.

    ├ł importante notare che la propagazione della ginestra richiede pazienza e cura. E' consigliabile seguire le istruzioni specifiche per ogni metodo di propagazione e assicurarsi di fornire alle nuove piante le cure adeguate per garantirne la crescita sana e vigorosa.

    Curiosità sulla ginestra: significato simbolico e riferimenti culturali
    La ginestra ha diversi significati simbolici e riferimenti culturali interessanti. Ecco alcune curiosità sulla ginestra:


    . Significato simbolico:
    La ginestra è spesso associata a simboli di amore, protezione, felicità e speranza. I suoi fiori gialli brillanti rappresentano l'entusiasmo e la vitalità. In alcune culture, la ginestre è anche simbolo di buona fortuna e prosperità.

    . Poesia di Johann Wolfgang von Goethe:
    La ginestra è protagonista di una famosa poesia di Johann Wolfgang von Goethe intitolata "Die Ginster" (La ginestra). Questo componimento esplora temi di vita, morte e immortalità, utilizzando la ginestra come metafora per affrontare l'ineluttabilità della morte.

    . Significato nella tradizione celtica:
    Nella tradizione celtica, la ginestra era considerata una pianta sacra associata al sole e al fuoco. Era spesso utilizzata nei rituali per celebrare l'equinozio di primavera e come simbolo di rinascita e rigenerazione.

    . Riferimenti nella letteratura:
    La ginestra appare in diverse opere letterarie. Ad esempio, nel romanzo "La signora Dalloway" di Virginia Woolf, la ginestra è presente come simbolo di bellezza e di connessione con la natura. Inoltre, nella tragedia "Cyrano de Bergerac" di Edmond Rostand, la ginestra viene menzionata come il fiore preferito di Roxane.

    . Utilizzo nella medicina tradizionale:
    Nella medicina tradizionale, alcune parti della pianta di ginestra sono state utilizzate per le loro presunte proprietà curative. Si credeva che avessero effetti benefici sul sistema nervoso e potessero alleviare problemi di stomaco e digestione.

    . Simbolo regionale:
    La ginestra è diventata il simbolo floreale di alcune regioni, come ad esempio la Corsica, un'isola francese nel Mar Mediterraneo. La ginestra corsa (Genista corsica) è endemica dell'isola e viene considerata un simbolo di identità e bellezza naturale.

    Queste curiosità sulla ginestra riflettono la sua importanza sia nella cultura che nella simbologia. E' una pianta che ha affascinato poeti, scrittori e artisti nel corso dei secoli, oltre ad avere significati profondi in diverse tradizioni culturali.



    Ginestra fiore



    La ginestra nel linguaggio dei fiori: significato e messaggi associati alla pianta
    La ginestra è una pianta che ha un significato simbolico e messaggi associati nel linguaggio dei fiori. Ecco alcuni dei significati più comuni associati alla ginestra:

    1. Amicizia duratura: La ginestra è spesso associata all'amicizia duratura e al legame forte tra le persone. Questo fiore può essere un simbolo di amicizia sincera e di relazioni che resistono alla prova del tempo.

    2. Ricordo e nostalgia: La ginestra può anche rappresentare il ricordo e la nostalgia. E' spesso associata ai ricordi di tempi passati e alle persone amate che non sono più con noi. Può essere un modo per onorare e ricordare i momenti felici trascorsi insieme.

    3. Speranza e rinascita: La ginestra può simboleggiare anche la speranza e la rinascita. Il suo fiore giallo brillante e i suoi profumi intensi possono rappresentare un nuovo inizio e un'energia positiva per il futuro.

    4. Amore e affetto: In alcuni contesti, la ginestra può anche rappresentare l'amore e l'affetto. Può essere un modo per esprimere sentimenti di amore, apprezzamento e gratitudine verso qualcuno di speciale.

    ...vedi scheda completa su ginestra



    Ginepro

    Ginepro - Pianta arbustiva (Juniperus communis) della fam. Cupressacee. Ha chioma fitta e assurgente, foglie aciculari, dure e pungenti, persistenti, verdi-glauche, verticillate a tre, fiori dioici e falsi frutti carnosi (coccole), sferici, grandi come piselli, neri, coperti di pruina azzurrognola.


    Descrizione

    Il Ginepro e' proprio dell'emisfero sett., e' frequente nei pascoli e nei boschi. I frutti del ginepro sono bacche chiamate in botanica "galbuli", che, prima di giungere a maturazione, cambiando il colore verde in un viola scuro, con riflessi argentei, restano da due a tre anni sulla pianta.
    Ogni cespo presenta quindi contemporaneamente frutti maturi e frutti acerbi, ancora verdi. I galbuli presentano forma arrotondata, sono lievemente cerati, resinosi e molto aromatici.

    La pianta e' dioica con fiori piccoli, quelli maschili riuniti in minuscoli amenti ovoidali di colore giallastro, quelli femminili generalmente isolati o riuniti in piccoli gruppi.
    Il frutto e' una pseudobacca di colore brunastro chiamata galbulo; squamosa e pruinosa, e' composta da 4 squame carnose saldate tra loro contenenti da 1 a 3 semi angolosi ricchi di un olio essenziale aromatico.

    Le bacche di ginepro si usano anzitutto nelle arti culinarie come spezie per piatti di selvaggina e per i crauti, nonche' per la fabbricazione di superalcolici quali gin, grappa di ginepro, la gineprata e il Kranewitter (prodotto tradizionale altoatesino).
    Dalle sue bacche, o coccole, si estrae per distillazione un olio essenziale chiamato essenza di ginepro. Il residuo della distillazione trattato con acqua e concentrato sotto vuoto produce un liquido sciropposo chiamato estratto di ginepro.


    Coltivazione

    E' un arbusto comune in luoghi aridi, incolti o boschivi fino ad altezze di 2.500 m s.l.m., con alcune sottospecie adattate alle alte quote, dalle caratteristiche bacche aromatiche di colore blu.
    Tra le specie ornamentali citiamo inoltre il Juniperus rigida Sieb. & Zucc., specie rustica originaria del Giappone e della Corea.

    E' un albero sempreverde alto 6-9 m con ramificazioni slanciate, ad effetto ricadente, con le foglie aghiformi e rigide, riunite in gruppi di 3, di colore verde-giallastro, argentante al rovescio. I frutti sono coni globosi, di colore nerastro e ricoperti da pruina.
    La coltivazione del ginepro richiede clima temperato, dalle frequenti precipitazioni estive, esposizione in pieno sole o mezz'ombra, e suolo ricco ma sabbioso o carsico.


    Moltiplicazione

    Si moltiplica con la semina o per talea di nuovi getti in primavera.

    ...vedi scheda completa su ginepro



    Glicine


    Glicine - Pianta arbustacea volubile (Wistaria sinensis) della famiglia delle Papilionacee, con fiori violacei o bianchi in grappoli pendenti.

    Descrizione
    Il Glicine e' molto coltivata come ornamentale nelle regioni a clima temperato. Ha un portamento da pianta lianosa con fusto volubile rampicante. I rami giovani sono di colore bruno-chiaro e glabri. Le foglie sono composte con 7-13 segmenti, sono di forma lanceolata e presentano l'apice acuminato. I fiori sono riuniti in infiorescenze racemose pendule che compaiono in maggio-giugno. Il glicine difficilmente fruttifica e si riproduce piu' facilmente per propaggine. Il frutto, quando compare, e' un tipico le gume di 10-15 cm di lunghezza.

    Coltivazione
    Il Glicine ama le posizioni soleggiate, esposte ai raggi del sole per tutto l'arco dell'anno. In inverno e' consigliabile proteggere dalle gelate persistenti gli esemplari giovani.
    Pianta a crescita rapida, necessita di molta acqua durante le estati calde, quindi e' necessario fornirne molta e molto frequentemente; nei periodi piu' caldi e asciutti e' bene lasciare il vaso in un sottovaso da riempire quotidianamente d'acqua. Con l'arrivo dell'autunno diminuire la quantita' d'acqua, cercando comunque di mantenere il terreno umido.

    Non ha particolari esigenze in fatto di terreno, si puo' utilizzare anche un buon terriccio universale. Volendo si puo' preparare un buon substrato mescolando due parti di sabbia, due parti di argilla e tre parti di terriccio di compostaggio. Il glicine va rinvasato ogni 2-3 anni, alla fine dell'inverno o all'inizio della primavera, prima della fioritura.



    Glicine coltivare



    Moltiplicazione
    i semi freschi si possono seminare in primavera, ricordando che le piante di glicine fioriscono soltanto all'eta' di 5-6 anni; per ottenere una pianta che ci regali una bella fioritura gia' l'anno successivo e' possibile utilizzare la tecnica della margotta.

    Il glicine si riproduce principalmente per seme, ma può anche propagarsi tramite talee. Ecco alcuni metodi di riproduzione della glicina:

    - Semina:
    Il glicine produce semi all'interno dei suoi baccelli. Puoi raccogliere i semi maturi e piantarli direttamente nel terreno. Assicurati di rimuovere la pellicola esterna dei semi e immergerli in acqua calda per 24 ore prima di seminare per ammorbidire il rivestimento duro e favorire la germinazione. Pianta i semi in vasi o direttamente in giardino, mantenendo un'adeguata umidità del terreno. La germinazione può richiedere da una settimana a diversi mesi.

    - Propagazione per talea:
    Puoi prendere delle talee di glicine da una pianta madre sana. Taglia una porzione di ramo giovane e vigoroso, di solito con una lunghezza di 10-15 cm, e rimuovi le foglie dalla parte inferiore. Pianta la talea in un terreno ben drenato e ricco di sostanza organica, mantenendo il terreno umido ma non inzuppato. La talea dovrebbe radicare entro poche settimane e sviluppare nuovi germogli.

    - Innesto:
    L'innesto È un metodo più avanzato di riproduzione che coinvolge l'unione di due parti di una pianta per farle crescere insieme come un'unica pianta. Puoi utilizzare la tecnica dell'innesto per propagare le cultivar desiderate del glicine. Questo metodo richiede conoscenze specifiche e competenze nel praticare l'innesto.

    È importante notare che il glicine può richiedere diversi anni per raggiungere la maturità e iniziare a fiorire. Pertanto, la riproduzione tramite talea o innesto può accelerare il processo rispetto alla semina dei semi. Assicurati di fornire alla pianta un terreno ben drenato, supporto per il rampicante e condizioni di crescita adatte, come pieno sole e irrigazione regolare, per favorire una sana crescita e sviluppo.



    Glicine pianta



    Glicine: proprietà terapeutiche e utilizzi in fitoterapia
    Il glicine ha alcune proprietà terapeutiche, soprattutto a livello sedativo e antispastico. Viene utilizzato in fitoterapia per alleviare ansia, insonnia e crampi muscolari.

    Inoltre, il glicine contiene un aminoacido chiamato acido gamma-amminobutirrico (GABA), che agisce come neurotrasmettitore inibitorio nel sistema nervoso centrale. Questo significa che il GABA può aiutare a ridurre l'attività neuronale e a calmare il sistema nervoso.

    Alcuni studi hanno anche suggerito che il glicine potrebbe avere effetti positivi sulla memoria e sull'apprendimento, ma sono necessarie ulteriori ricerche per confermare questi risultati.

    In generale, il glicine viene utilizzato in fitoterapia sotto forma di tintura o estratto secco, ma È importante consultare un professionista sanitario prima di utilizzarlo per trattare qualsiasi disturbo o condizione medica.

    Libri & manuali:

    ...vedi scheda completa su glicine



    Gloxinia

    Gloxinia - (Sinningia speciosa)
    Famiglia: Gesneriaceae. Il genere Sinningia comprende una ventina di specie tuberose, perenni, sempreverdi e decidue.


    Descrizione

    Pianta erbacea costituita da grosse foglie vellutate di colore verde scuro, e da fiori grandi, semplici o doppi, campanulati, vellutati anch'essi di vari colori: rosso, rosa, bianco, viola. I fiori appaiono in estate. I fusti sono corti e ricoperti di peluria. Gli ibridi in commercio sono numerosissimi.


    Coltivazione

    La coltivazione per seme, inizia da Novembre a Gennaio.
    Il seme e' molto fine (20.000 in un grammo circa) e devono essere posti in un terriccio molto fine, costituito da: torba, foglie di faggio ben mature con un'aggiunta di una piccolissima percentuale di sabbia e senza ricoprire i semi.
    La temperatura ambientale deve essere mantenuta oltre i 20 gradi C. ed un'umidita' costante.
    Appena le piantine possono essere maneggiate, si esegue il primo trapianto in terrine (cassette) con un composto primo descritto e successivamente poste in vasi da 11/13 cm. di diametro, usando lo stesso terriccio gia' citato per i tuberi. ed eseguire periodicamente le stesse concimazioni.
    La fioritura avviene dopo 7/8 mesi dalla semina.
    Collocare la Gloxinia in ambiente luminoso, ma lontano da radiazioni dirette del sole. La temperatura ideale ambientale, per un buon accrescimento e mantenimento deve essere di 18/20 gradi C.


    Moltiplicazione

    Si riproducono per seme e si moltiplicano per divisione dei tuberi o per talea di foglia.
    La divisione dei rizomi si puo' effettuare in febbraio-marzo. Le talee fogliari si mettono a radicare in giugno-luglio in terrine riempite di torba e sabbia.
    Sulle nervature piu' grosse della pagina inferiore dovranno essere praticate delle incisioni. La foglia dovra' poi essere appoggiata con la pagina inferiore a contatto del terreno e tenuta alla temperatura di circa 20 gradi C. Dalle incisioni nasceranno le nuove piantine.

    ...vedi scheda completa su gloxinia



    Grevillea

    Grevillea - Famiglia: Proteaceae. Arbusto sempreverde proveniente dall'Australia ben ramificato. Le sue foglie aghiformi verde scuro sono simili a quelle del rosmarino,di cui non ha ne' il profumo ne' la forma dei fiori, che sono invece rossi a grappoli.


    Descrizione

    Pianta semirustica fiorisce a fine inverno inizio primavera con fiori vistosi, in grappoli di vari colori.


    Coltivazione

    Gradisce una posizione soleggiata, clima mite e terreno preferibilmente acido.
    Le Grevillea richiedono terreni neutri o acidi, arricchiti con torba o terriccio di foglie.
    Si piantano in aprile-maggio, all'aperto, in posizioni riparate. In inverno si coprono le radici con uno strato di paglia o foglie.
    Le piante trascorrono l'inverno alla temperatura di 4-7 gradi C.; si tengono all'aperto da maggio a ottobre. Durante la primavera e l'estate si annaffiano molto; in inverno si tiene appena umida la composta. Da maggio a settembre ogni 15 giorni, si somministra un concime liguido diluito.
    Si rinvasano ogni anno, in marzo.


    Moltiplicazione

    Si propaga per talea o per seme e non necessita di potature.
    In luglio si prelevano dai germogli laterali talee lunghe 5-8cm., preferibilmente con una porzione del ramo portante e si piantano in un miscuglio di torba e sabbia in parti uguale. In cassone da moltiplicazione, alla temperatura di 15-18 gradi C.
    Le talee radicate si invasano in contenitori di 8cm., riempiti con la composta indicate precedentemente; se occorre, si rinvasano. Si tengono al riparo fino alla primavera; si fanno irrobustire in letto freddo prima di metterle a dimorra, in maggio.

    ...vedi scheda completa su grevillea






    Guida pratica sulla coltivazione della forsythia: il fiore che annuncia l\'arrivo della primavera


    La forsythia Ŕ un fiore che incanta con la sua bellezza e il suo colore vivace, segnando l'arrivo della primavera con i suoi fiori gialli brillanti. Se sei un appassionato di giardinaggio e desideri aggiungere un tocco di primavera al tuo spazio verde, coltivare la forsythia potrebbe essere la scelta perfetta.

    VAI AL SITO


    Aglio sempre fresco tutto l\'anno: come coltivarlo in casa, tutti i passaggi


    L'aglio è un ingrediente versatile e salutare che viene utilizzato in molte ricette tradizionali. Ma cosa succede se desideri avere aglio fresco tutto l'anno senza doverlo acquistare costantemente? La soluzione è semplice: coltivarlo in casa!

    VAI AL SITO


    I 7 frutti che migliorano la pelle del viso, donandole luminositÓ, morbidezza e chiarezza


    La cura della pelle è un aspetto fondamentale per mantenere un aspetto giovane e sano. Oltre ai prodotti cosmetici tradizionali, la natura ci offre una vasta gamma di ingredienti naturali che possono migliorare la salute e l'aspetto della nostra pelle.

    VAI AL SITO


    La Passiflora: la pianta della passione, come coltivarla e prendersene cura


    La Passiflora, nota anche come fiore della passione, Ŕ una pianta rampicante originaria dell'America tropicale. Questa pianta Ŕ apprezzata per la sua bellezza unica e per la sua capacitÓ di crescere rapidamente, rendendola una scelta popolare per chi desidera creare una parete verde o un'area fiorita in giardino. In questo articolo, ti forniremo una guida completa su come piantare, coltivare e prenderti cura della Passiflora.

    VAI AL SITO


    Le nuove offerte Geox con sconti fino al 70%


    Una vasta selezione di prodotti scontati, dove trovare abbigliamento, scarpe, accessori e molto altro ancora a prezzi convenienti.


    Non perdere l'opportunitÓ di visitare questa pagina e approfittare delle offerte esclusive disponibili.


    Acquista ora e risparmia sui tuoi acquisti di moda!

    VAI AL SITO


    - Vedi tutte le News
    - Iscriviti al canale Telegram